Messaggio di errore

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (linea 2405 di /var/www/www.ashramdellatrasfigurazione.it/html/includes/menu.inc).

Le origini: da Shantivanam a Malfolle

L’Ashram della Trasfigurazione è un sogno che parte da lontano. Più precisamente da un viaggio in India nel 1980, compiuto da don Arrigo e Luigina, e da una visita all’ashram di Shantivanam, uno dei luoghi più significativi in cui si sono incontrati cristianesimo e induismo.
L’ashram di Shantivanam è stato fondato nel 1950 da Jules Monchanin, prete francese arrivato in India già nel 1939, come eremita ma anche come parroco dei villaggi di quella zona, e da Henri Le Saux, monaco benedettino dell’abbazia di Kergonan, in Bretagna, giunto in India nel 1948 dopo una corrispondenza con lo stesso Monchanin. I due fondarono l’ashram nel giorno della festa di San Benedetto, sulla scia di Brahmabandav Upadhyaya, un brahmano che si era convertito al Cristianesimo, cercando di evitare i suoi eccessi e di raccogliere il meglio delle sue idee.
Il nome di questo ashram, Saccidananda, riprende il titolo di un inno alla Trinità di Brahmabandav Upadhyaya, che aveva associato il Padre, Figlio e Spirito Santo al Sat-Cit-Ananda (Essere-Coscienza-Beatitudine) delle Upanisha, tanto è vero che questo monastero si chiama indifferentemente Shantivanam, cioè "Foresta della pace", o Saccidanannda, cioè "Ashram della Trinità".
Dopo la morte di Monchanin, Le Saux invitò a trasferirsi a Shantivanam un monaco belga, Francis Mahieu, che aveva fondato un ashram cistercense, di rito siriaco, sulle montagne del Kerala. In realtà, al posto di Mahieu, arrivò un monaco inglese: Bede Griffiths. E con lui Shantivanam, che ormai era un’esperienza fallita, riprese vigore. Il monastero si risollevò, arrivarono le vocazioni indiane tanto attese dai due fondatori. Sarà poi padre Griffiths ad affiliare Shantivanam all’ordine camaldolese, sia per la declinazione eremitica che per ragioni di diritto canonico.